poesie - Pietro Sacchero "Peke"

Vai ai contenuti

Menu principale:

poesie

Oltre che esprimere - abilmente - nei suoi quadri i tanti giochi di luce e ombre,
Peke vive la "poesia" nell'istante in cui realizza un'opera ispirata dal Creato.

Generosità

La Generosità è una gran cosa
e si può ben presto imparare.
Diciamo che sarebbe
l'arte di donare.
Se porgo quattro soldi
a questo poverello,
mi sento ancor più ricco
e lui è mio fratello.

*** *** *** *** ***

Non voglio annoiarti
si meno inorridirti
ma IO son presunto
il mio intento è sol stupirti
lavoro di pennello
e di artifizi fini
e ascolto chi mi guida
dal sopra dei confini
non so se meritai
di avere questo dono
fu per voler di DIO
e chiedo il Suo perdono.

*** *** *** *** ***

E venne un giorno
e non posso dirti quando.
Venne colui
che ha sempre amato tanto.
Vide uno scempio
e allora furibondo
spense la luce
e di buio inondò il mondo.
Allora l’uomo
dinanzi al suo destino
implorò il Padre
di accendergli un lumino.

*** *** *** *** ***

Vorrei fermare il tempo
vorrei odorare un fiore
vorrei vedere l'alba di un giorno mio migliore
avrei voluto dare più gioie al mio cuore
avrei voluto il riso gioioso di un bambino
avere un amico per sempre a me vicino
vorrei aver parlato più spesso col buon DIO
parlavo si a sproloquio ma sempre del mio "Io"
ma il tempo si è fermato
andiamo su è ora
e spicco in alto il volo al sorger dell'aurora.

*** *** *** *** ***

Un giorno chiesi a un gentil signore
cosa fosse l'odio e il rancore e Lui
sorpreso da questo mio ardore mi disse
l'odio ti distrugge il cuore.
Ti rode dentro e come una cancrena
semina ignoranza e l'animo tuo avvelena.
Così il rancore che ne è gemello,
ti suggerisce come hai rimpianto.
Quell'animo nobile che hai amato tanto.

*** *** *** *** ***

Caldo è il colore.
Fresco è il sapore.
Fiume che in piena inondi lo core.
Son le tue sponde di verdi ulivi
urla alla gente che noi siam vivi.
Digli alle mute co tuo sciaquio
chi vi ha creato è solo DIO.
Fra i sassi scrosci con gran fragore
e urli al vento il tuo canto d'amore.

*** *** *** *** ***

O tu che del sol non vedi più il levare.
Risveglia il tuo Io assopito
ama il tuo prossimo e forse avrai capito
che al mondo si dispera colui  che ancor
non ha intuito.

*** *** *** *** ***

 
  cerca nel sito  
Torna ai contenuti | Torna al menu